“dottoressa, quale è il trattamento migliore?”